Confronto Degli Incipit Tra Il Gattopardo E Una Donna

In: Other Topics

Submitted By seb1995
Words 270
Pages 2
Confrotno tra l’incipit di “Una Donna” ed Il “Gattopardo”

L’analisi degli incipit dei due testi “Il Gattopardo” e “Una Donna” evidenzia alcune divergenze. Innanzitutto la storia de “Il Gattopardo” viene narrata dall’autore nel presente, il racconto è ambientato nelle terre del regno di Sicilia nell’anno 1860 in cui si sta avviando il processo di unificazione del regno d’Italia. L’opera si apre con una frase in latino che indica che la vicenda si svolge in una cappella in cui è appena finita la recita quotidiana del rosario. L’autore inizia una descrizione dell’ambiente circostante e dell’atmosfera presente nel salone. In seguito a questa prima descrizione dell’ambiente passa alla caratterizzazione del personaggio principale: Fabrizio, il principe di Salina, di cui vengono descritte le origini, il carattere ed i valori.
Nel romanzo autobiografico “Una Donna”, la storia inizia con un’analessi sul passato dell’autrice, più precisamente la propria fanciullezza; che viene descritta come libera e gagliarda e come un’età piena di gioie e di felicità. La narrazione prosegue con la descrizione del rapporto con i genitori: il padre uomo brillante e interessante, di cui la figlia ne era profondamente innamorata, e la madre che non essendo altrettanto stimolante viene vista dalla figlia come una figura mediocre.
Un’altra differenza tra le due opere è il sesso del narratore che ne “Il Gattopardo” è associabile all’autore Tomasi di Lampedusa e in “Una Donna” è palesemente la storia personale dell’autrice stessa, ovvero, Sibilla Aleramo.
A parte l’appartenenza a grandi linee allo stesso genere le due opere non contengono fattori di somiglianza poiché né le marche spaziali e temporali congiungono né i temi in sé delle storia…...

Similar Documents

Frugal E Reverse Innovation

...Ricerca e Sviluppo Indice 1 - Introduzione 3 2 - L'Internazionalizzazione dell’unità R&S 5 2.1 - I Motivi dell’Internazionalizzazione 5 2.2 - Evoluzione delle Forme di Internazionalizzazione 6 2.3 - Strategie Tecnologiche su Scala Internazionale 9 3 - Dalla Globalizzazione alla Reverse Innovation 12 3.1 - Frugal Innovation 14 3.2 - Reverse Innovation 17 3.3 - Perché fare Reverse Innovation 19 3.4 - Il caso: “The 300$ House” 20 1 - Introduzione Con il termine internazionalizzazione si indica l’espansione dell’impresa al di fuori del proprio mercato nazionale. Si tratta di un fenomeno di natura composita, che non si riduce alla sola sfera degli scambi e delle transazioni economiche ma che abbraccia gli ambiti della politica, della società e della cultura. L’internazionalizzazione è un processo oggi inesorabile e di dimensione crescente, che si è trasformato in un motore estremamente potente di integrazione e al contempo di cambiamento della nostra società, alimentando quel fenomeno pervasivo che molti definiscono globalizzazione. Le imprese, attraverso il processo di espansione internazionale, ricercano in nuovi mercati gli stessi vantaggi di tipo tecnologico e manageriale sfruttati pienamente nei mercati domestici attraverso ingenti investimenti che consentono di mantenerne il......

Words: 6995 - Pages: 28

Sintesi Dei Risultati E Ruolo Della Nato Per La Sicurezza in Europa

...Università degli Studi di Trieste Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea in Scienze Politiche Tesi di Laurea in Geografia Politica SINTESI DEI RISULTATI E RUOLO DELLA NATO PER LA SICUREZZA IN EUROPA Laureando: T.Col. Lucio PROVENZANI Relatore: Chiar.ma Prof.ssa Maria Paola Pagnini Correlatore: Prof. Aldo Colleoni Anno Accademico 2002-2003 INDICE INDICE……………………………………………………………………..………….2 INTRODUZIONE………………………………………………...…...………………5 CAPITOLO I…………………………………………………………..……………..10 Le origini e la genesi della NATO; dalla seconda Guerra Mondiale alla fine del Patto di Varsavia 1. 2. Gli antecedenti………………………………………………...………………10 Il ruolo della NATO negli anni della guerra fredda…………...………………13 CAPITOLO II………………………………………………………………………...20 Struttura e principi organizzativi dell’Alleanza 1. 2. I mezzi a disposizione ed i compiti fondamentali……………………………..21 Principi organizzativi di vertice dell’Alleanza………………………………...23 CAPITOLO III……………………………………………………………………….28 Il ruolo dell’Alleanza nel controllo degli armamenti 1. 2. 3. Il controllo delle armi Nucleari, Biologiche e Chimiche……………………...29 Gli armamenti Convenzionali…………………………………………………34 Le armi di distruzione di massa……………………………………………….37 CAPITOLO IV……………………………………………………………………….40 Gli Stati Uniti e la nuova strategia per la sicurezza Europea 1. 2. L’interesse degli Stati Uniti nell’Europa dopo la fine della guerra fredda……40 I nuovi comp iti ed il Nuovo “Concetto Strategico” della......

Words: 78133 - Pages: 313

Il Sogno

...FALCONE E P. BORSELLINO, ARESE. Nel 1900 Sigmund Freud pubblica “L’interpretazione dei sogni”, dove definisce i fenomeni onirici come la “via regia che porta alla conoscenza dell’inconscio nella vita psichica”. Egli intende studiare i sogni in quanto in essi si manifesta la parte più intima, più nascosta e più inconscia della psiche dell’uomo, poiché viene meno il controllo della ragione. Freud individua quattro caratteristiche che definiscono il sogno: • E’ sempre legato al sonno • Si dimentica facilmente e si ricorda solo raramente • Può avere una durata qualsiasi • Influenza il nostro umore e i nostri atteggiamenti quotidiani. Il sogno rappresenta un ospite indesiderato del sonno ma inevitabile perché è la risposta della nostra psiche a uno stimolo, a un disturbo di tipo psichico o fisico o ad un’esperienza quotidiana. Esso è l’espressione concreta di un desiderio, in quanto nel sogno riusciamo a realizzare qualcosa che non siamo riusciti a fare da svegli. Dice Freud che i sogni sono “l’appagamento di un desiderio”: appagamento, però camuffato attraverso simboli onirici, di un desiderio rimosso, ossia di un desiderio accantonato all’interno della psiche, senza però essere stato eliminato, attraverso il processo psichico della rimozione. Nel sogno, infatti, si distinguono: • Il contenuto onirico manifesto, ossia le immagini che vediamo durante il......

Words: 2277 - Pages: 10

Le Imprese Oltre Il Fordismo - Riassunto Per Esame

...Cap.1 Verso una nuova organizzazione delle imprese? Spazio, tempo e movimento Strumenti organizzativi di coordinamento e controllo dell’attività umana. Henry Ford e la produzione di massa Henry Ford – Cambiamento tecnico del processo produttivo. Avvia la prima linea continua di assemblaggio grazie ad un approccio all’ingegnerizzazione del processo basato sulla standardizzazione dei compiti e sulla serialità della linea produttiva. Il vantaggio dell’efficienza derivava da: 1. Aumento della produttività del lavoro: capacità della linea continua di realizzare una quantità di output per unità di tempo che, alla parità di lavoro umano, aumentava sensibilmente; 2. Possibilità di ottenere enormi economie di scala: i costi fissi potevano esse ripartiti su una grande quantità di prodotti realizzati perciò di pesare mediamente di meno sul costo di un prodotto unitario. Frederick Taylor - Cambiamento nell’organizzazione del lavoro e negli strumenti gestionali. Principi dello scientific management: 1. Produzione di conoscenza sulle tecniche e sui processi di lavoro. Il lavoro andava studiato secondo un approccio scientifico, cioè, lo studio di tempi e movimenti (one best way); 2. Selezione scientifica degli operatori stessi. Analisi delle capacità individuali per identificare il compito ottimale da attribuire. 3. Perfetta coerenza tra compito ed individuo nel rispetto delle prescrizioni. Le tecniche da utilizzare devono essere insegnate......

Words: 8792 - Pages: 36

Il Credito Bancario Durante La Crisi

...Università degli Studi del Piemonte Orientale “Amedeo Avogadro” DIPARTIMENTO DI STUDI PER L’ECONOMIA E L’IMPRESA Corso di laurea triennale in Economia aziendale Tesi di laurea in Economia e gestione delle Banche e delle Imprese di Assicurazione Il Credito alle imprese durante la Crisi Relatore: Prof. Mario Valletta Candidato: Stefano Siccità Anno Accademico 2011/2012 1 Indice 1. Introduzione………………………………………………………………...….3 2. Un semplice modello del mercato creditizio………………………….………..5 3. I dati: andamento del credito e dei tassi bancari nel 2011……………………12 3.1 La domanda di credito…………………………………………..……..14 3.2 L’offerta di credito………………………………………………..……16 3.3 Il costo del credito……………………………………………………...22 3.4 La qualità del credito…………………………………………………...25 3.5 Il punto di vista delle imprese………………………………………….27 4. Una valutazione d’assieme……………………………………………………35 5. Possibili soluzioni…………………………………………………………….42 6. Bibliografia……………………………………………………………………61 2 Introduzione Lo scopo di questo studio è fornire un quadro analitico su un problema, che a mio avviso è di centrale attualità in questo periodo: il credito bancario alle imprese durante la crisi. Gli effetti di una stretta sul credito possono essere assai rilevanti: le imprese potrebbero esser costrette a ridimensionare i piani di investimento, alcune potrebbero non aver più sufficiente liquidità, mentre altre non potrebbero addirittura evitare il default, con l’effetto di prolungare e amplificare la......

Words: 16099 - Pages: 65

Direzioni Diverse Stanislavskij Verso Il Sistema Mejerchol'D Verso La Biomeccanica

...incontro, il Teatro d'arte Čechov e Stanislavskij, il realismo psicologico La morte di Čechov, rinnovamento Il Teatro-Studio, un fallimento La fuga di Stanislavskij, riflessioni sull'attore Mejerchol'd al teatro Komissarževskaja Stanislavskij, Suler e il Simbolismo Il Balagan di Blok/Mejerchol'd Il Sistema è nato Mejerchol'd e il dramma musicale Verifica e conferma del Sistema Il Sistema Mejerchol'd e la Casa degli Intermezzi L'Amleto di Craig e Stanislavskij Un Don Giovanni un po' stravolto Il Primo Studio Mejerchol'd e il grottesco Le conclusioni dello studio di via Borodinskaja Stanislavskij si allontana dal Teatro d'Arte La recitazione dell'identificazione emotiva L'Ottobre Teatrale La Biomeccanica Bibliografia Introduzione Mejerchol’d è un tipo strano, contraddittorio, sconclusionato, dalla vena sperimentale. Affascinante perché privo di obiettivi, la sua è una ricerca discontinua che non ha un fine, propone miriadi di soluzioni, sempre ottimali, d’avanguardia nonostante la sua volontà di non distaccarsi dal passato. Mesce l’innovazione alla tradizione e fa del suo teatro un punto interrogativo aperto a varie risposte, risposte rifiutate dalla sua realtà ed esaltate dal futuro che vede in questo regista non russo del tutto, il creatore di una......

Words: 8058 - Pages: 33

Il Lavoro a Progetto

...CAPITOLO I 1. Il lavoro a progetto: art. 61, d.lgs. 276/2003 Le tipologie di lavoro flessibile costituiscono un capitolo importante all’interno di un processo di flessibilizzazione in atto ormai da decenni, volto ad adattare le prestazioni lavorative alle mutevoli esigenze del sistema economico produttivo. Nell’ambito di tale percorso si è giunti all’individuazione di fattispecie che si discostavano dallo schema classico del lavoro dipendente a tempo indeterminato che dapprima, venivano viste come eccezionali ma poi, sono divenute una costante del mondo del lavoro. Le varie forme di collaborazione che sono state introdotte sono riconducibili all’area del lavoro autonomo e/o del lavoro parasubordinato. La diffusione di tali forme di impiego ha registrato un vero e proprio exploit a causa di notevoli fattori promozionali, tra i quali le esigenze di contenimento dei costi di lavoro in presenza di un ciclo economico incerto ed i vari processi di outsourcing di importanti attività aziendali. Questi ultimi hanno favorito il trasferimento di competenze specifiche a soggetti esterni all’organizzazione produttiva, il cui impegno è più facilmente gestibile ed adattabile ai cicli produttivi. Le tipologie contrattuali che meglio rispondono alle esigenze sopraccitate sono: le cc.dd. collaborazioni coordinate e continuative, prima e poi, il cd. contratto a progetto. Quest’ultimo, è una delle principali novità della riforma del mercato del lavoro, la cui disciplina si propone di......

Words: 3583 - Pages: 15

Gov E Finanza Aziendale

...DEI DIVIDENDI I dividendi sono quote di utili distribuite agli azionisti. È il risultato della scelta tra il reinvestimento degli utili e la loro distribuzione. In caso di distribuzione occorre stabilire quanto distribuire e come fronteggiare la necessità finanziaria. È una scelta di natura finanziaria che può riguardare: - le fonti, se si finanziano gli investimenti con i debiti liberando risorse per i dividendi; - gli impieghi, se si finanziano gli investimenti con l’autofinanziamento perseguendo una politica di bassi dividendi. Modalità di remunerazione degli azionisti: - dividendi; - azioni gratuite (bonus share); - frazionamento delle azioni (splitting); - acquisto azioni proprie. Sull’esistenza di una politica di dividendi ottimale che massimizza il valore dell’impresa vi sono tre correnti di pensiero: ➢ centristi (M&M) ➢ conservatori (o tradizionalisti) ➢ radicali Secondo i Centristi la politica di dividendi è irrilevante per il valore dell’impresa. In quanto la politica di dividendi è una decisione finanziaria, la struttura finanziaria è irrilevante per il valore dell’impresa, dunque è irrilevante anche la politica dei dividendi. In una situazione di mercato perfetto il valore dell’impresa dipende soltanto dalla gestione dell’attivo (flussi operativi generati) Nella realtà però il mercato non è perfetto e quindi la politica dei dividendi incide sul valore dell’impresa. In......

Words: 508 - Pages: 3

Interventi Legislativi Nella Regolamentazione Del Rapporto Fra Politica E Amministrazione Nel Processo Di Privatizzazione Del Pubblico Impiego

...1. Capitolo La spinta alle riforme della Pubblica Amministrazione 1.1 I principali interventi legislativi nella regolamentazione del rapporto fra politica e amministrazione nel processo di privatizzazione del pubblico impiego Il dibattito in Italia sulla privatizzazione del pubblico impiego si deve, in origine, ad un autorevole studioso, Massimo Severo Giannini. Questo illustre giurista, divenuto anche Ministro per la Funzione Pubblica negli anni 1979-1980, affermava già da tempo, sulla base della distinzione tra rapporto organico e rapporto di servizio, la mera occasionalità storica, e non necessità giuridica della generale regolazione unilaterale e pubblicistica del lavoro pubblico1. Da questo punto di vista, l’autore citato, nel denominato rapporto Giannini – sui principali problemi della amministrazione dello stato propone come soluzione la privatizzazione del rapporto di lavoro pubblico. In proposito, Giannini si chiede se un’altra strada praticabile non sia quella di privatizzare i rapporti di lavoro con lo Stato non collegati all’esercizio della potestà pubblica, mantenendo come rapporto di diritto pubblico solo quello di coloro ai quali tale esercizio è assegnato o affidabile, ovvero gli attuali direttivi e dirigenti.2 U. CARABELLI e M. T. CARINCI (a cura di), Il lavoro pubblico in Italia, Bari, 2010, p. 34. 2 M.S. GIANNINI, Rapporto sui principali problemi della amministrazione dello stato, 16 novembre1979. Documento disponibile su: www.tecnichenormative.it.......

Words: 53581 - Pages: 215

Storia E Affermazione Dell’e-Commerce

...Storia e affermazione dell’e-commerce Storia e affermazione dell’e-commerce Sommario. 1. Origine storica ed affermazione del commercio elettronico – 2. Lex mercatoria e lex informatica – a. L’origine e il significato della lex mercatoria – b. La nuova lex mercatoria – c. La lex informatica – 3. L’e-commerce e la sua rilevanza nel mondo economico e giuridico 1. Origine storica ed affermazione del commercio elettronico La rivoluzione telematica che si è realizzata nella seconda metà del XX secolo ha cambiato il nostro modo di vivere: l’utilizzo del computer e delle altre tecnologie che ne sono derivate, infatti, ha reso possibile compiere, in tempi e modi impensabili, le più svariate attività tra cui quella di poter concludere un contratto di vendita ovunque ci si trovi grazie alla connessione Internet e con qualsiasi tipo di dispositivo. L’utilizzo della Rete come strumento economico-commerciale è, tuttavia, un fenomeno relativamente recente. Internet nasce alla fine degli anni ’60 e si sviluppa rapidamente, dapprima come strumento di comunicazione scientifica e successivamente di interscambio personale per poi divenire, negli anni ’90, supporto essenziale per l’affermazione dell’e-commerce, ossia il commercio elettronico. Quest’ultima espressione, apparentemente sfuggente, prima di addentrarsi in qualsiasi argomentazione sia essa storica, economica o giuridica, necessita, però, di essere “materializzata” perché –¬ pur trattandosi di una definizione che scaturisce...

Words: 3826 - Pages: 16

Costi Di Agenzia in Cina: Il Caso Delle Soes

...UNIVERSITÀ  COMMERCIALE  LUIGI  BOCCONI     Facoltà  di  Economia     Corso  di  Laurea  in  Economia  Aziendale  e   Management             Relazione  principale-­‐agente  e  costi  di   agenzia  in  Cina:  il  caso  delle  State-­‐Owned   Enterprises   DOCENTE TUTOR: Prof. Maurizio DALLOCCHIO Giulia BARRESI (matricola 1686849) Anno Accademico 2014/2015                                                                                                                 “Quando la Cina si sveglierà, il mondo tremerà”. Napoleone Bonaparte, 1816                                                                                                                                         INDICE   1.  INTRODUZIONE  ..............

Words: 6150 - Pages: 25

Oic 11 E 12

...OIC 11 bilancio di esercizio, finalità e postulati Le finalità ed i postulati del bilancio sono specificamente richiamati dall'articolo 2423 del codice civile, in particolare: * L'articolo 2423 comma 2 del codice civile fissa la clausola generale ovvero la finalità primaria del bilancio secondo la quale quest'ultimo deve essere redatto con chiarezza e deve rappresentare in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria della società e il risultato economico dell'esercizio. L'uso dell'aggettivo veritiero non significa pretendere dai redattori del bilancio ne promettere ai lettori di esso una verità oggettiva di bilancio, irraggiungibile con riguardo ai valori stimati, ma richiedere che i redattori del bilancio operino correttamente le stime e ne rappresentino il risultato. * il comma 3 stabilisce che se le informazioni richieste da specifiche disposizioni di legge non sono sufficienti a dare una rappresentazione veritiera e corretta si devono fornire le informazioni complementari necessarie allo scopo. Ciò sta a significare che è già previsto che non sia possibile per le norme di legge regolare tutte le situazioni che si possono manifestare. * il comma 3 introduce l'obbligo della deroga qualora in caso eccezionali l'applicazione delle disposizioni di legge sia incompatibile con una rappresentazione veritiera e corretta. Questa norma rafforza la portata del principio generale, richiedendo la deroga a criteri specifici di rappresentazione o......

Words: 3024 - Pages: 13

Il Consolidamento Democratico in America Latina: Storia E Prospettive.

...Giovanni Zanoletti Il consolidamento democratico in America Latina: storia e prospettive. Il processo di formazione di regimi indipendenti e democratici in America Latina, iniziato con le lotte per l’affrancamento dalla dominazione coloniale verso la fine degli anni ’10 del XIX sec., è sempre stato caratterizzato da alcuni elementi culturali e sociali che si sono mantenuti costanti durante questi due secoli di storia, in parte comuni alle varie entità statali di cui il sub-continente si compone e in parte peculiari, a seconda dell’epoca e dal tipo di colonizzazione. Certo è che questi caratteri hanno giocato un importante ruolo nella difficoltà di affermazione dei caratteri dello stato democratico nelle varie realtà territoriali, giungendo a un certo grado di diffusione delle procedure democratiche solamente verso l’inizio degli anni novanta. Considerando la storia dell’America Latina, quello di fronte a cui ci troviamo è quasi un secolo e mezzo di “volatilità istituzionale”: è infatti possibile riscontrare più o meno in ogni parte della regione frequenti cambi di regime, avvenuti tramite golpe e rivoluzioni, l’affermazione di dittature e il loro rovesciamento, elezioni democratiche e plebisciti. Solo a partire dagli anni ’90 sembra che la situazione politica si sia stabilizzata verso un indirizzo di governo democratico più o meno ovunque, anche se alcune eccezioni rimangono. Definito il quadro d’insieme, è interessante analizzare quali elementi componevano il......

Words: 6110 - Pages: 25

Usa: M-Form E Il Capitalismo Manageriale

...LA M-FORM E IL CAPITALISMO MANAGERIALE La grande impresa, quando finisce la prima guerra mondiale, in America è in larga parte il risultato di fusioni. Si tratta di organismi diversi e superiori alla somma delle parti costituenti. Nel merger si sono chiusi impianti, se ne sono costruiti di nuovi secondo lo stato dell’arte della tecnologia così da poter sfruttare le economie di scala e di diversificazione, si sono specializzate le produzioni degli stabilimenti già esistenti, si è delineato un nuovo disegno organizzativo. Un indicatore del successo delle fusioni sono l’incremento delle quote di mercato e la caduta dei costi unitari. Caratteristica saliente della grande impresa americana è la U-form, ovvero l’organizzazione strutturata su funzioni. A queste funzioni sovrintendono membri del consiglio di amministrazione che sono coinvolti nella gestione aziendale. La grande impresa moderna negli Stati Uniti come negli altri paesi è un prodotto del quarantennio precedente la prima guerra mondiale, sia per ciò che concerne il saper fare tecnico-gestionale, sia per quanto riguarda il disegno organizzativo e la definizione dei canali di autorità. Ma dagli anni Venti negli Stati Uniti si ha un importante sviluppo organizzativo che va nella direzione di un ulteriore incremento della pervasività del management: l’impresa multidivisionale. La comparsa di questo nuovo tipo di struttura aziendale è stimolata da fattori sia esterni che interni all’impresa. Nella seconda metà degli anni......

Words: 880 - Pages: 4

Il Concetto Di Autorià in J Raz

.........................................................5 Ragioni per l'azione e norme......................................................................................................5 I.1. Il ruolo delle ragioni.........................................................................................................5 I.1.1. Quattro caratteristiche del concetto di “ragione per l'azione”..................................5 I.1.2 Ragioni escludenti e norme.......................................................................................8 I.1.3 La teoria esemplificata: sorgono alcuni problemi...................................................10 I.2. Disposizioni della autorità e ragioni..............................................................................12 I.2.1 Ragioni indipendenti dal contenuto.........................................................................12 I.2.2. Norme, ragioni e sanzioni......................................................................................13 I.3. L'obbligo politico...........................................................................................................16 I.3.1. Il problema ............................................................................................................16 I.3.2. Centralità dell'obbligo politico ..............................................................................17 I.3.3. Il rispetto per la legge ...........................................................

Words: 14000 - Pages: 56